Visa presenta la soluzione di open banking negli Stati Uniti in collaborazione con Tink

Visa, leader globale nelle soluzioni di pagamento, ha presentato la sua ultima impresa negli Stati Uniti: un'offerta di open banking facilitata dal suo partner recentemente acquisito, Tink, come affermato in Fintech Global News.

L'iniziativa, come riportato da Finextra, segna l'incursione di Visa nel regno dell'open banking, consentendo agli utenti di tutti gli Stati Uniti di collegare facilmente i propri conti e autorizzare entità fidate ad accedere ai propri dati finanziari.

Attraverso un'interfaccia consolidata, gli utenti hanno accesso a una gamma di funzionalità finanziarie, che vanno dalla verifica delle informazioni sul conto alla conduzione di richieste di saldo in tempo reale e al recupero dei dettagli delle transazioni da una moltitudine di banche sparse in tutta la nazione.

L'integrazione della tecnologia di Tink nell'ecosistema di Visa garantisce un'esperienza di open banking sicura ed efficiente, su misura per soddisfare le richieste in evoluzione sia dei consumatori che delle aziende.

L'amministratore delegato di Visa, Ryan McInerny, ha sottolineato il significato strategico della collaborazione, affermando: «Circa due anni fa abbiamo acquisito Tink perché abbiamo visto un'opportunità nell'open banking. Nel corso di questi due anni abbiamo ampliato la nostra presenza in Europa, aggiudicandoci accordi con Adyen e Revolut. Ora stiamo espandendo le soluzioni di open banking attraverso Tink negli Stati Uniti.»

La mossa arriva in un momento in cui l’open banking sta guadagnando terreno tra i consumatori americani, con un recente sondaggio commissionato da Visa che rivela che un notevole 87% degli intervistati sta già sfruttando varie forme di open banking per integrare i propri conti finanziari con servizi di terze parti.

Tuttavia, nonostante l’adozione diffusa, rimane un divario significativo nella consapevolezza dei consumatori, con solo il 34% degli intervistati pienamente consapevole delle funzionalità sbloccate dall’open banking. Alla luce di ciò, Visa ha avviato un’iniziativa di educazione dei consumatori volta a far luce sui molteplici vantaggi offerti dai servizi bancari aperti.

L'iniziativa testimonia l'impegno di Visa nel promuovere l'innovazione nel panorama finanziario, con l'integrazione dell'open banking pronta a ridefinire le dinamiche delle interazioni finanziarie nel mercato statunitense.

Other articles
NCR Voyix offre ai ristoranti statunitensi una soluzione software di pagamento al tavolo basata su QR
L'inizio dell'intelligenza artificiale e della finanza incorporata: approfondimenti da Visa al vertice FinTech di Dubai
Parkopedia e Irdeto collaborano per rivoluzionare la ricarica dei veicoli elettrici
Temenos lancia soluzioni di intelligenza artificiale generativa responsabile per il core banking
FutureMoney debutta con un'app di microinvestimento per aiutare le famiglie a garantire il proprio futuro finanziario
Commerce Bank adotta FedNow tramite l'hub dei pagamenti Temenos per promuovere la modernizzazione
Personetics: esame degli effetti dell'intelligenza artificiale sul settore bancario
bunq migliora le offerte bancarie e di assicurazione di viaggio basate sull'intelligenza artificiale
Plasmare il futuro dei pagamenti: approfondimenti di Tribh Grewal su Pay360
Visa presenta i prodotti Digital First per l’era moderna
Come l'automazione sta trasformando il monitoraggio continuo degli istituti finanziari
Temenos presenta soluzioni di intelligenza artificiale generativa per l'efficienza e la redditività bancaria
Moody's: l'implementazione dell'intelligenza artificiale dovrebbe essere un "atto di bilanciamento" per le istituzioni finanziarie
Garantire il futuro: migliorare le operazioni fintech con la valutazione dinamica del rischio
Richieste di aprile per la dichiarazione dei redditi mobile con istruzioni autoguidate