Il CEO della FCA definisce un nuovo percorso normativo per le incursioni finanziarie delle Big Tech

In un discorso cruciale, il CEO di FCA Nikhil Rathi ha svelato una nuova prospettiva normativa volta a gestire l’influenza delle società Big Tech nel regno finanziario. Le osservazioni di Rathi si inseriscono nel contesto delle crescenti preoccupazioni sull'intersezione tra giganti della tecnologia e servizi finanziari, come sottolineato in Fintech Global .

L'annuncio della FCA ha coinciso con la pubblicazione di un feedback riguardante la sua indagine sulle dinamiche di condivisione dei dati tra entità Big Tech e istituzioni finanziarie. Questa indagine fa parte di un discorso più ampio innescato dal recente Libro bianco del governo sull’intelligenza artificiale .

Evidenziando il ruolo chiave delle Big Tech, Rathi ha sottolineato i potenziali vantaggi derivanti dalle loro vaste riserve di dati. Ha riconosciuto i passi avanti significativi compiuti nella semplificazione delle transazioni dei consumatori, ma ha sottolineato la necessità di valutare l’intero valore dei dati delle Big Tech nei mercati finanziari. «La crescente presenza di Big Tech nei servizi finanziari ha indubbiamente ottimizzato l'esperienza dei consumatori, ma il vero valore dei loro dati nei mercati finanziari deve ancora essere pienamente realizzato», ha osservato Rathi.

Allo stato attuale, l’approccio della FCA consente alle aziende Big Tech di accedere ai dati tramite protocolli Open Banking senza la condivisione reciproca obbligatoria dei dati con le controparti finanziarie. Tuttavia, le informazioni raccolte dall’indagine in corso potrebbero preannunciare cambiamenti sostanziali. Se l’indagine dovesse sottolineare il valore sostanziale dei dati Big Tech per i servizi finanziari, la FCA intende sostenere una maggiore condivisione dei dati. Questo sforzo è in linea con obiettivi più ampi nell’ambito dell’Open Banking e dell’Open Finance.

Inoltre, la FCA sta contemplando misure normative per affrontare i potenziali rischi derivanti dalla condivisione unilaterale dei dati. Queste proposte saranno sottoposte al vaglio dell’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA), una volta autorizzata a regolamentare le attività digitali e di dati delle aziende designate ai sensi del prossimo disegno di legge sui mercati digitali, sulla concorrenza e sui consumatori (DMCC).

Il commento di Rathi segnala una posizione normativa proattiva volta a promuovere l'equità competitiva nell'era digitale. In collaborazione con la Banca d’Inghilterra e la Prudential Regulatory Authority (PRA), la FCA continua a impegnarsi a esplorare le ramificazioni delle terze parti critiche e delle tecnologie di intelligenza artificiale all’interno del panorama finanziario.

Other articles
Danske Bank e United Fintech stringono una partnership strategica
Fare passo avanti: il ruolo dei servizi finanziari nell’affrontare le preoccupazioni climatiche
Tuum e TransactionLink collaborano per trasformare l'onboarding FinTech
Banked e National Australia Bank partner per rivoluzionare i pagamenti A2A
Rivoluzione dell’intelligenza artificiale nel reporting finanziario: una visione completa di KPMG
TranscendAP emerge come leader indipendente nell'automazione della contabilità fornitori basata sull'intelligenza artificiale
Le banche statunitensi sono leader nella crescita dei talenti dell’intelligenza artificiale
Wipro e Microsoft collaborano per introdurre assistenti virtuali basati sull'intelligenza artificiale nei servizi finanziari
Checkout.com e Mastercard migliorano le soluzioni di pagamento per gli agenti di viaggio online
Visa presenta uno strumento di rilevamento delle frodi basato sull'intelligenza artificiale per contrastare gli attacchi di enumerazione
Visa e JP Morgan collaborano per accelerare i pagamenti nazionali negli Stati Uniti
Worldline e Google Cloud stringono una partnership strategica
Kaspi.kz e Alipay+ si uniscono per pagamenti in Cina senza soluzione di continuità
Visa migliora i servizi di pagamento transfrontalieri in collaborazione con AWS
TransferGo collabora con Tink per introdurre «Pay by Bank»